Dona ora per La Salute senza frontiere

Il progetto “Salute senza frontiere”, è un progetto sulla promozione degli stili di vita salutari attraverso metodologie attente alle caratteristiche culturali, linguistiche e sociali delle comunità straniere. Il progetto è frutto della collaborazione tra specialisti LILT del settore, Fondazione Ismu e in collaborazione con: Centro islamico di Monza, Chiesa Ortodossa di Pavia, El Cisne e Lazos Ecuatorianos di Lodi, la Diocesi Migranti e la Rete scuole senza Permesso di Milano e Provincia. 

La popolazione straniera in Italia ammonta a circa 5milioni di persone (Dati Ismu). Secondo il Word Cancer report 2014  i migranti sul territorio italiano si ammalano di tumore 20% in più degli italiani e solo un immigrato residente su due aderisce ai programmi di screening.

Nonostante la necessità, risulta spesso difficile per le Associazioni attivare le comunità straniere, laddove la salute non rientra nelle priorità del soggetto. Fondamentale è interessarli all’educazione alla salute attraverso metodologie idonee e coinvolgenti, che producano impatti sociali valutabili e effettivi.

Grazie alla collaborazione tra due enti fortemente attivi verso le comunità straniere del territorio, Fondazione Ismu - Iniziative e Studi sulla Multietnicità e LILT promuovono best practices di educazione alla salute, implementandole e valutarle attentamente attraverso la ricerca/azione.

Da una parte LILT nella trasmissione dei messaggi di prevenzione in lingua originale e attività di comunicazione innovativa e ad ho, nonché l’utilizzo di specialisti e medici della stessa cultura degli utenti. Dall’altro ISMU, attiva nel settore della ricerca sociale in campo immigrazione, analizza la metodologia standard utilizzata da LILT, quindi le attività e l’approccio, valutando ed identificando i fattori di rischio comportamentali dei gruppi esaminati

Scegli il tipo di sostegno che vuoi dare a LILT


Importo della donazione


I tuoi dati

I tuoi recapiti

Informativa art. 13, d. lgs 196/2003

I dati personali sono trattati, con modalità elettroniche e strumenti di analisi statistica, da Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori – titolare del trattamento – Via Venezian, 1 20133 Milano, per l’espletamento di tutte le operazioni connesse alla donazione, nonché per informare su iniziative, attività e progetti realizzati anche grazie al contributo erogato, e per l’invio della rivista e dei report sulle nostre iniziative umanitarie, nonché dell’e-newsletter riservata ai Supporters. Il conferimento dei dati è facoltativo ma il mancato conferimento dei dati necessari per la gestione della donazione potrebbe comportare l’impossibilità di gestirla e completare la richiesta. Inoltre, in assenza delle informazioni di contatto non sarà possibile erogare il servizio informativo personalizzato richiesto diventando Supporter, con compilazione del form di donazione.

Oltre che per la donazione, infatti, i dati saranno trattati per erogare i servizi riservati ai nostri Supporter e consistenti in contatti promozionali e informativi, per campagne di raccolta fondi e sondaggi, con opportuna personalizzazione in funzione degli interessi e preferenze manifestate partecipando alle nostre iniziative (profilazione). Tali attività potranno essere eseguite attraverso strumenti di comunicazione tradizionale ed elettronica (via e-mail, Sms, telefonate – anche automatizzate – su numero fisso e cellulare, social network, oltre che per posta cartacea).

Gli incaricati del trattamento per i predetti fini sono gli addetti a gestire i rapporti con i donatori effettivi e potenziali, all’amministrazione, all’organizzazione di campagne di sensibilizzazione e attività istituzionali e statutarie, al call center, ai servizi Web, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati.

Ai sensi dell'art. 7, d. lgs 196/2003, scrivendo al titolare al suddetto indirizzo postale o all’e-mail info@legatumori.it, si possono esercitare i relativi diritti fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per scopi informativi e promozionali, anche limitatamente a uno o più strumenti di contatto (es.: via e-mail e/o Sms e/o posta e/o telefono). Qualora non sia precisato, l’opposizione al trattamento dei dati per fini informativi sarà inteso esteso a tutti gli strumenti di contatto. Allo stesso modo è possibile richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento.

Si informa che, per quanto attiene le donazioni, è attivo un sistema di prevenzione delle frodi, erogato attraverso una piattaforma messa a disposizione da Easy Nolo spa – responsabile del trattamento – Piazza Gaudenzio Sella 1, 3900 Biella, taluni dati potrebbero essere trasferiti in Paesi extra-UE o al di fuori del SEE per la gestione e valutazione della rischiosità della transazione. Tali Paesi terzi sono, comunque, stati riconosciuti dalla Commissione Europea dotati di un adeguato livello di protezione dei dati personali esportati da Paesi UE o dello Spazio Economico Europeo.

I campi contrassegnati da * sono obbligatori

Vantaggi fiscali per i donatori

Dal 3 agosto 2013 la nostra Associazione è iscritta all'elenco degli Enti di ricerca beneficiari delle disposizioni dell'art. 14 del DL 35/05 convertito da L 80/05 (ultimo aggiornamento: DPCM 4/2/2015 pubblicato sulla gazzetta Ufficiale n.79 del 4/4/2015).
Le quote associative NON sono deducibili.

Le erogazioni liberali sono deducibili, purché effettuate con un mezzo tracciabile (bonifico, assegno, tessera Bancomat, carta di credito, bollettino postale, vaglia) dalle PERSONE FISICHE nella misura massima del 10% del reddito imponibile e, comunque, fino a 70.000 € ai sensi dell' art 14 del DL 35/05, convertito da L 80/05; dalle PERSONE GIURIDICHE nella misura massima del 10% del reddito imponibile e, comunque, fino a 70.000 € ai sensi dell' art 14 del DL 35/05, convertito da L 80/05, o, in alternativa, sino al 2% del reddito dichiarato ex art. 100, comma 2 lettera a del D.P.R. 917/86 (TUIR); per le sole donazioni erogate ai fini della ricerca scientifica, senza vincoli assoluti o in percentuale ai sensi dell'articolo 1, comma 353, della legge 23 dicembre 2005, n. 266.