blog_post_269

Secondo l’ordinanza emessa recentemente dalla Regione Lombardia diventa obbligatorio utilizzare la mascherina per uscire di casa.

Chirurgiche, FFP1, FFP2, FFP3, sono tante le tipologie in commercio, altrettante sono le informazioni che vengono diffuse ogni giorno riguardo il loro impiego e si rischia di fare confusione. Questi dispositivi sono preziosi e molto utili, per questo motivo è importante utilizzarli nella maniera corretta.

Il nuovo coronavirus è un virus respiratorio, si trasmette da persona a persona attraverso le goccioline del respiro (droplets). L’infezione avviene con contatto stretto con una persona che manifesta i sintomi, tramite la saliva, tossendo o starnutendo, o le mani, toccando con le mani non ancora lavate bocca, naso e occhi.

Per prevenire il rischio di infezione è essenziale seguire le corrette pratiche di igiene, come lavarsi le mani spesso, e mantenere una distanza di almeno un metro con le altre persone. L’utilizzo della mascherina può aiutare a limitare la diffusione del virus, ma è efficace solo se vengono rispettate le norme igieniche.


Quando usare la mascherina

È consigliabile indossare la mascherina se hai il sospetto di aver contratto l’infezione e se hai sintomi come tosse o starnuti, se ti prendi cura una persona malata con sospetta infezione da nuovo coronavirus. Con la nuova ordinanza di Regione Lombardia è ora obbligatorio indossare sempre la mascherina quando si esce di casa. In particolar modo per i pazienti oncologici, più esposti al rischio di infezione, è consigliabile indossare sempre la mascherina fuori casa, soprattutto per recarsi in ospedale per visite, esami o terapie.

Non serve indossare più mascherine alla volta e non è consigliabile utilizzare soluzioni “fai da te”, come le mascherine fatte in casa o sciarpe e bandane, da utilizzare solo nel caso non si abbia a disposizione una mascherina e sia necessario uscire di casa. Il consiglio rimane sempre quello di cercare di limitare al minimo le uscite.


Quale mascherina scegliere

Tante sono le tipologie in commercio: chirurgiche, FFP1, FFP2, FFP3. È importante saperle distinguere e conoscerne le corrette modalità di utilizzo.

Le mascherine chirurgiche sono dispositivi medici che servono per evitare di contagiare le altre persone, il loro utilizzo è consigliato soprattutto a chi presenta sintomi come tosse o febbre, oppure a chi è entrato in contatto con una persona con sospetta infezione. Possono essere utilizzate anche nel caso sia necessario uscire di casa, per rispettare l'ordinanza della Regione.

Le mascherine classificate con le diciture FFP1, FFP2 e FFP3 sono dette filtranti (Filtering Facepiece Particles) sono dispositivi di protezione individuale adatti all’ambito professionale. Servono a evitare di essere contagiati, il loro utilizzo è strettamente consigliato per medici e sanitari, che lavorano a contatto con i malati.


Come usarla correttamente

Prima di mettere la mascherina lavati sempre le mani, con acqua e sapone o con la soluzione alcolica. Assicurati che la mascherina sia integra e copri naso e bocca facendola aderire bene. Cerca di non toccarla mentre la indossi, se la tocchi poi devi lavarti le mani. Sostituiscila sempre e non riutilizzarla, è un dispositivo monouso. Quando la togli prendila dall’elastico senza toccare la parte anteriore, dopo averla gettata lavati di nuovo le mani.

 Guarda il video 


E i guanti?

Può essere utile anche l’utilizzo dei guanti, è consigliabile per il personale addetto alle pulizie e per chi svolge un lavoro nella ristorazione o nel commercio degli alimenti. Sono indispensabili in ambito professionale ospedaliero e se ci si prende cura di persone malate.

Quando si utilizzano è necessario seguire alcuni accorgimenti: cambiarli ogni volta che si sporcano, mai metterli a contatto con occhi, naso o bocca e vanno sempre buttati dopo l’utilizzo, sono anch’essi un dispositivo monouso. Non sostituiscono la corretta igiene delle mani, che rimane il gesto più efficace per la prevenzione delle infezioni.


Ricorda che è importante utilizzare con criterio questi dispositivi, mascherine e guanti sono una risorsa preziosa, da non sprecare.



Aprile 2020