Slide Sfondo
Se è per LILT
è per te

Con il tuo 5×1000 rinforzi la rete di prevenzione LILT contro i tumori e le attività di assistenza per i malati a Milano e sul territorio di Monza e Brianza.

Scopri di più

Entrate per 5 x mille

immagine

Pubblichiamo annualmente il rendiconto delle somme percepite grazie al 5 per mille Irpef, ai sensi del DPCM 23 luglio 2020: “Disciplina delle modalità e dei termini per l’accesso al riparto del cinque per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche degli enti destinatari del contributo, nonché delle modalità e dei termini per la formazione, l’aggiornamento e la pubblicazione dell’elenco permanente degli enti iscritti e per la pubblicazione degli elenchi annuali degli enti ammessi”.

1. Acquisto beni e servizi (€ 230.732,50)

Acquisto mammografo con tomosintesi

La mammografia digitale con Tomosintesi è una tecnica radiologica di nuova generazione in grado di esaminare il seno in maniera tridimensionale e con una elevata accuratezza diagnostica: possono essere evidenziate lesioni tumorali molto piccole con percentuali pari quasi al doppio di quelle offerte dalla mammografia digitale tradizionale.
La mammella viene studiata a “strati”, cioè scomposta in tante sezioni dello spessore di un millimetro, in modo da poter evidenziare anche tumori di piccole dimensioni.
E’ stato acquistato dalla LILT, un nuovo mammografo digitale con Tomosintesi, per lo Spazio Prevenzione di Via Caterina da Forlì a Milano, in aggiunta a quello già presente in Via Viganò e lo Spazio di Monza per poter così effettuare una diagnosi sempre più precisa e quindi garantire una sempre maggiore curabilità.

 

2. Erogazione ai sensi della propria finalità istituzionale

Presidi ai malati oncologici (€ 62.683,94)

Il servizio, denominato “Tornando a casa”, prevede la consegna di presidi sanitari (carrozzine, letti elettrici, comode, stampelle, girelli, alza coperte, ecc. ecc.) in comodato d’uso gratuito presso il domicilio dei pazienti attraverso il fornitore Elli. La dimissione del paziente dall’ospedale e il suo ritorno a casa sono momenti importanti e delicati durante i quali l’equilibrio familiare spesso è compromesso dai cambiamenti in atto legati alla malattia e da problematiche di tipo logistico-organizzativo. Il servizio “Tornando a casa”, attivo dal 1985, ha come obiettivo quello di fornire in tempi brevi l’allestimento sanitario necessario per migliorare la qualità di vita dei pazienti e facilitare l’assistenza da parte dei famigliari. Infatti la consegna dei presidi entro le 48 ore dalla richiesta, consente al nucleo famigliare di affrontare la dimissione dall’ospedale nel modo più sereno possibile, senza ulteriori problemi oltre a quelli già in essere legati alla malattia e alle cure.
Il servizio viene erogato facendo estrema attenzione al mantenimento di standard di qualità e professionalità che vanno dalla consegna al ritiro dei presidi, gestiti con estrema accuratezza attraverso un controllo informatico della loro disponibilità, alla manutenzione, alla sanificazione al momento del ritiro e prima della nuova consegna, alla sostituzione qualora non dovessero più rispettare gli standard di funzionalità.

Spese case alloggio – Rimborso alloggio presso terzi (€ 61.420,93)

Per molti malati alloggiare a Milano, la città italiana più colpita dal fenomeno della migrazione sanitaria, rappresenta un grosso problema economico e un notevole disagio che va ad aggiungersi al dramma che già stanno vivendo legato alla malattia tumorale. Per questi motivi è attivo il Servizio Case Alloggio a favore dei pazienti sia adulti che bambini/adolescenti provenienti da tutta Italia, in particolare dal Centro/Sud e dalle isole, costretti a soggiornare nella nostra città per effettuare ricoveri, cicli di terapie e controlli periodici.
In particolare per i piccoli pazienti e per i loro genitori in cura prevalentemente presso la Struttura Complessa di Pediatria della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori di Milano, la LILT gestisce tre appartamenti, le “Case Alloggio Bambini”, situati nelle vicinanze dell’Ospedale. Due (Via Forlanini, 20 e Via Botticelli, 11) sono in affitto agevolato con l’ALER, il terzo (Via Botticelli, 20) è generosamente concesso da un privato in comodato d’uso gratuito. Le case hanno una capienza di 14 posti letto (7 bambini con 7 genitori), sono completamente ristrutturate, perfettamente arredate e attrezzate di tutto il necessario. Il servizio quotidiano di pulizia e igienizzazione consente ai piccoli pazienti di soggiornare in un ambiente il più possibile adeguato alle loro esigenze. Viene anche effettuato un servizio di tipo “alberghiero” che prevede il cambio di biancheria.
Nel caso in cui le nostre tre Case Alloggio Bambini fossero tutte occupate, la nostra Associazione ha messo in atto una collaborazione con l’Associazione CasAmica Onlus che gestisce case di accoglienza situate nelle vicinanze della Fondazione IRCSS Istituto Nazionale Tumori dedicate sia ai bambini ma disponibili anche ad ospitare adulti con un accompagnatore.

Mediazione linguistica (€ 8.441,18)

A fronte di un forte aumento di pazienti stranieri sia adulti che bambini/adolescenti si è particolarmente sviluppato in questi anni il servizio di mediazione linguistica per prestare la giusta attenzione alla comunicazione nel percorso di cura e offrire un servizio strutturato che prevede la presenza di mediatori professionisti che affiancano il personale ospedaliero e le assistenti sociali.
L’obiettivo è quello di facilitare la comunicazione e la comprensione non solo della diagnosi ma anche di tutto il percorso di cura che il paziente dovrà affrontare e le informazioni sui molteplici servizi che la nostra Associazione può offrire.
In particolare per i pazienti bambini/adolescenti la mediazione culturale serve anche per dare ai genitori il supporto psicologico assolutamente necessario per poter affrontare la malattia del proprio figlio. E’ anche previsto un servizio di mediazione culturale attivo 24 ore su 24 in casi di urgenza e durante le festività.

Contributi alla qualità di vita (€ 92.000)

Il servizio assistenza bambini/adolescenti della LILT nasce nel 1978. Attivo presso la Struttura Complessa di pediatria della Fondazione IRCSS Istituto nazionale Tumori di Milano (INT), si occupa di accogliere a 360° le necessità ed i bisogni portati dalle famiglie dei piccoli pazienti provenienti da tutte le regione d’Italia e da paesi facenti parte dell’Unione Europea o da Paesi Extracomunitari.
La LILT sostiene la S.C di Pediatria attraverso l’erogazione di:

  • Contributi per sostenere collaboratori, psicologi e l’assistente sociale LILT che affianca quotidianamente l’assistente sociale dell’INT;
  • Contributi per la collaborazione professionale di un medico odontoiatra pediatrico;
  • Progetto “reperibilità telefonica 24h” prevede la reperibilità telefonica continuativa dello staff di medici del Reparto di Pediatria dell’Istituto Nazionale Tumori a favore delle famiglie con figli soggetti a cure per patologie tumorali.
Attività di ricerca e formazione (€ 114.500)

La nostra Associazione finanzia la ricerca clinica ed epidemiologica attraverso l’erogazione di borse di studio, contratti e contributi ad Istituzioni oncologiche che operano sul territorio.
Sono stati finanziati alla Fondazione IRCSS Istituto Nazionale Tumori di Milano (INT):
– Il Progetto DARE “Monitoraggio clinico-strumentale senologico alle pazienti sane che sono state classificate con un rischio eredo-familiare medio o basso di sviluppare il tumore mammario” (€ 14.000,00)- Il progetto di ricerca clinica “Qualità di vita nell’istituzione oncologica” (€ 20.000,00)
– Il progetto “Caratterizzazione citogenetica e molecolare della casistica italiana di carcinomi renali in età pediatrica” (€ 50.000,00)- “Il Progetto Amaranta: “Studio osservazionale multicentrico e multinazionale Radioterapia palliativa delle metastasi ossee. Classificazioni, marcatori di infiammazione e follow up clinico longitudinale (PRAIS)” (€ 16.500,00)

Alla Fondazione Humanitas – Rozzano è stato finanziato uno ‘Studio Pilota integrato di promozione degli stili di vita salutari, finalizzato alla lotta al tabagismo” (€ 14.000,00).

 

3. Altre voci di spesa riconducibili al raggiungimento dello scopo sociale

Agenti 00Sigarette (€ 5.254,57)

Il programma Agenti00Sigarette rivolto agli alunni delle scuole primarie consiste in un incontro con gli educatori LILT che attraverso tecniche interattive di teatro sociale, affrontano l’argomento “tabacco e stili di vita salutari”. Un vero e proprio “addestramento” per gli agenti Speciali 00Sigarette per dire no alla sigaretta facendo una scelta alternativa e consapevole, come quella di partecipare alla MISSIONE LILT.
Ai bambini viene rilasciata una speciale tessera che sancisce l’appartenenza alla “nuova generazione di non fumatori” e la volontà di diffondere il messaggio a favore dei sani stili di vita salutari attraverso il passaparola. Grazie a un team di educatori appositamente formati e alla sensibilità degli insegnanti, ogni anno il progetto raggiunge oltre 20.000 alunni che aderiscono con entusiasmo alle nostre attività.

Attività di informazione (€ 113.526,42)

Prevenire è Vivere è la newsletter inviata ai soci e sostenitori dell’Associazione per informarli sulle attività, progetti e iniziative che via via nel corso dell’anno vengono organizzati. Stampata e inviata con cadenza quadrimestrale approfondisce anche tematiche di interesse socio sanitario e in linea con quanto pubblicato sulle riviste medico-scientifiche.

Controcancro è, invece, la nostra rivista annuale di approfondimento e informazione che raccoglie articoli a firma di medici e comunicatori scientifici. I temi in primo piano sono sempre attuali. La rivista viene distribuita negli Spazi Lilt e in tutte le sedi dell’associazione.

 

Per consultare i dettagli del rendiconto: Rendiconto 2016