Le 5 fasi di elaborazione del lutto: quali sono e come ti cambiano

Le 5 fasi di elaborazione del lutto: quali sono e come ti cambiano

Quando una persona a noi cara muore, il dolore può essere insopportabile. Sapere di non essere soli, poter confidare sul supporto di chi ci è vicino ed essere più consapevoli di quello che si sta provando, è importante per riuscire a superare il proprio lutto e imparare a conviverci.

Nel 1969 una psichiatra svizzera, Elizabeth Kübler Ross, arrivò a definire il lutto come un processo suddivisibile in 5 fasi principali.

Le 5 fasi di elaborazione del lutto rappresentano un cammino ben preciso che ogni persona si troverebbe ad affrontare dopo la perdita.

L’intensità e la durata di ciascuno stadio del lutto possono ovviamente essere diverse da persona a persona e non sempre il processo si presenta così lineare e definito.

Le 5 fasi del lutto: quali sono

Fase del Rifiuto e della Negazione

Quando affrontiamo una perdita che ci causa molto dolore, il nostro organismo prova a difenderci negando la sofferenza che l’ha generata. Non riusciamo ad accettare quanto accaduto a causa dello stato di shock dovuto alla perdita. Spesso siamo consapevoli di quello che è successo ma non lo vogliamo accettare.

Fase della Rabbia

Quando cominciamo a renderci conto e ad accettare quello che è successo, iniziamo a provare rabbia con noi stessi, con la persona che ci ha lasciato o con chi riteniamo colpevole della perdita subita, con la vista stessa. Ci chiediamo cosa abbiamo fatto di male per meritarci quello che è capitato.

In qualche modo la fase della rabbia potrebbe essere considerata positiva, perché ci permette di uscire dallo stato di apatia generato dalla fase di rifiuto. Ma bisogna stare attenti a non rimanere bloccati in questo stato, perché finirebbe con il ritorcersi contro di noi!

Fase del Patteggiamento o Contrattazione

Ad un certo punto, iniziamo a sentire il bisogno di mediare con la nostra sofferenza, per sopravvivere. È il momento in cui cerchiamo di riprendere il controllo della nostra vita, tornando a una sorta di normalità o provando a ricostruirne una. Ma il dolore è ancora forte e il lutto non è ancora stato superato del tutto e potrebbero quindi esserci anche molti “alti e bassi”.

Fase della Depressione

I continui alti e bassi in cui potremmo essere sballottati, ci fanno cadere in un stato precario di continua tristezza. Iniziamo a essere più consapevoli della nostra perdita e il dolore è ancora molto presente e forte e potrebbe manifestarsi anche con conseguenze a livello fisico: mal di testa, aumento o perdita del peso corporeo, irritabilità, insonnia o sonnolenza.

Fase dell’Accettazione

Lentamente arriviamo alla fine del processo e all’ultima fase, quella dell’accettazione della perdita. E’ grazie a questa fase che troviamo in noi la forza di reagire e provare a riprendere in mano la nostra vita. Questo chiaramente non significa smettere di pensare o soffrire per la persona cara, ma provare piuttosto a dare un senso a quella perdita cercando di voltare pagina e costruire nuovi interessi per riempire il vuoto lasciato.

Perché è importante l’elaborazione del lutto?

Il processo di elaborazione del lutto può essere molto lungo e doloroso. Ma, pur quanto non facile da affrontare, è un processo essenziale per provare a superare la perdita e il dolore provato e tornare a vivere.

La presa di coscienza di quello che si sta provando e della fase che si sta vivendo è di grande aiuto per poter affrontare al meglio il proprio lutto, senza uscirne sopraffatti.

Come superare un lutto

L’unico modo per superare un lutto è accettare il momento e il dolore che si sta vivendo e provare a reagire. Il tempo è una variabile fondamentale, perché il dolore non scomparirà da un momento all’altro, ma si affievolirà lentamente nel corso della vita.

Un altro aiuto importante ci è dato dalle persone che ci sono vicine, senza avere il timore di rivolgersi a un esperto nel momento in cui questo non bastasse e il dolore diventasse insostenibile.

Un altro modo per provare lentamente a convivere e accettare il vuoto lasciato, è provare a tenere vivo il ricordo di chi ci ha lasciato.

Uno dei modi per farlo è ad esempio aprire una raccolta fondi o fare una donazione in memoria di chi ci ha lasciato, a sostegno della lotta contro i tumori. Sarà una bellissima occasione per ricordare insieme la persona amata, permettendo allo stesso tempo ad altre persone che stanno lottando contro la malattia, di ricevere l’aiuto di cui hanno bisogno.


Altre News