blog_post_252

Stiamo vivendo un’emergenza sanitaria senza precedenti e ci troviamo a fronteggiare difficoltà mai sperimentate prima. 

Ma noi ci siamo. Ci siamo per i pazienti oncologici che assistiamo sempre. Ci siamo anche per te: per aiutarti a superare questo momento senza abbassare la guardia nella lotta contro i tumori.

Attraverso questo sito web e i canali social ti offriremo ogni informazione e consiglio utile per il tuo benessere.


L’appello del Presidente

La salute al primo posto, oggi più che mai. Il Coronavirus ci ha insegnato, purtroppo sulla nostra pelle, che c’è un tempo per la responsabilità in cui la mia e la tua salute sono un valore unico, universale, e dove le regole devono essere rispettate per il bene della comunità intera.

La nostra Associazione ha aderito alle misure di contenimento del contagio sospendendo l’attività degli ambulatori e quella dei volontari. E ha attivato lo smart working per salvaguardare collaboratori e dipendenti.

Ma non abbiamo chiuso. Perché ci sono persone, i malati di tumore, che sono ancora più deboli e soli in questa che sembra sempre più una pandemia. È essenziale che non interrompano le terapie. Noi siamo al loro fianco perché possano continuare a curarsi.

I nostri servizi di assistenza dedicati ai pazienti oncologici sono tutti garantiti con le dovute tutele per chi li eroga e per chi ne usufruisce: Child Care, accompagnamento alle terapie, consegna di ausili sanitari, assistenza domiciliare. E abbiamo ideato la “Pillola di benessere” quotidiana per restare vicini a tutti gli allievi di ArtLab con tutorial, pensieri, foto e consigli.

Vorrei lanciare un messaggio, seguite le disposizioni governative: restate a casa, osservate le norme igieniche e abbiate rispetto delle persone anziane e malate evitando di esporle al contagio. Tre semplici norme che fanno bene a voi e agli altri e che ci aiutano ad uscire da questo momento drammatico per il mondo intero.

Marco Allosio, presidente di LILT Milano


 Info sugli Spazi LILT  


La Campagna Stop-Coronavirus

Un aiuto rapido e concreto per ospedali e malati di tumore. È l’obiettivo della nostra campagna di raccolta fondi Stop-Coronavirus che ha già superato quota 450 mila euro tra le donazioni online e quelle di privati, enti e aziende del territorio. E non si ferma.

Abbiamo già acquistato dispositivi medici e di protezione per pazienti, medici e personale sanitario dell’Ospedale San Gerardo di Monza e dell’Istituto Tumori di Milano:

  • 7 ventilatori polmonari;
  • 75 mila mascherine tra chirurgiche e filtranti;
  • 3 mila tute protettive.

E, con la campagna, LILT ha potuto non solo continuare a garantire ma anche ripensare i suoi servizi di assistenza per i pazienti oncologici per adattarli all’emergenza: accompagnamento alle terapie in sicurezza, spesa a casa, telefono amico, consegna presidi sanitari, laboratori artistici a distanza.


 Aiuta ospedali e malati  


Le regole valide per tutti

Lavare spesso le mani con acqua e sapone o, in alternativa, con un gel a base alcolica. 

Una pratica semplice da fare:

  • Prima di: mangiare, assistere un ammalato, medicare o toccare una ferita, applicare o rimuovere le lenti a contatto, usare il bagno, cambiare un pannolino.
  • Dopo: avere tossito, starnutito o soffiato il naso, assistito un malato, usato il bagno, cambiato un pannolino, toccato cibo crudo, maneggiato spazzatura, usato un mezzo di trasporto, maneggiato soldi, essere stati a contatto con animali.

Coprirsi sempre la bocca con un fazzoletto monouso quando si tossisce o si starnutisce, o farlo nell’incavo del gomito.

Se sono presenti sintomi influenzali, con tosse o raffreddore, meglio rimanere a casa e contattare il proprio medico di base, la guardia medica o il numero verde attivato da Regione Lombardia: 800.894.545

Da evitare comportamenti come toccarsi occhi, naso e bocca con le mani; le strette di mano e gli abbracci, i contatti ravvicinati e i luoghi affollati, mantenendo una distanza di almeno un metro con le altre persone.

 Come lavare le mani  


 Come fare prevenzione a casa  


Consigli per i pazienti oncologici

Sono ancora in fase di sviluppo gli studi sull’impatto dell’infezione da Coronavirus sulle persone. Da uno studio cinese pubblicato su The Lancet Oncology è emerso che i pazienti oncologici sono più vulnerabili all’infezione da Covid-19 rispetto al resto della popolazione. È un’infezione altamente contagiosa e le persone che stanno affrontando cure importanti come la chemioterapia o che hanno subito interventi chirurgici risultano più suscettibili. Su di loro la malattia può avere un decorso peggiore, soprattutto se anziane.

Questi dati sono in fase di aggiornamento costante e bisognerà aspettare che vengano raccolti più dati per avere un quadro completo della situazione.

In questo momento di emergenza però è importante non rimandare e non interrompere i trattamenti specialistici per paura di contrarre la malattia. Curare il cancro è prioritario.

Per avere tutte le corrette informazioni riguardo questa infezione è consigliabile rivolgersi al proprio medico curante e fare affidamento sulle linee guida ministeriali su come fare la corretta prevenzione.


10 marzo 2020